CARICAMENTO...


Emilia Romagna
16 Ago 2018 - 09:38 PM  
Periti Agrari e Periti Agrari Laureati  
 
 

MENU

ONLINE

Utenti: Online
Utenti: Utenti:0
Ospiti: Ospiti:1
Totale: Totale:1

CERCA


INFORMAZIONI REGIONALI

Inviato da: Emiliaromagna di Mercoledì, 28 Maggio 2008 - 09:43 AM StampaVers. stampa  InoltraSegnala l'articolo
E.R.
Tutelare produttori latte vaccino;
I documenti respinti.
Tutelare produttori latte vaccino: L’Assemblea ha approvato a maggioranza una risoluzione, presentata da Roberto Corradi (primo firmatario), Maurizio Parma e Mauro Manfredini della lega nord, Luigi Giuseppe Villani (fi-pdl) e Roberto Garbi (pd), finalizzata a tutelare i produttori agricoli di latte vaccino che gestiscono
caseifici aziendali. Illustrandola, Corradi ha rilevato che si tratta di riparare ad un errore tecnico relativo ai conteggi contenuto nel decreto ministeriale del 30 luglio 1993, che penalizza i nostri piccoli produttori con una sorta di raddoppio di quello che è l’effettiva produzione di latte. La risoluzione evidenzia infatti l’incongruenza tra i parametri di conversione “in equivalente latte” applicati ai formaggi parmigiano-reggiano e grana padano, rispetto a quanto previsto dalla normativa comunitaria di riferimento e impegna la Giunta ad assumere le opportune iniziative presso il Ministero delle politiche agricole, ed in sede di Conferenza Stato-Regioni, per arrivare ad una celere modifica degli indici di “equivalenza latte”, attualmente previsti per questi formaggi dal decreto ministeriale 30 luglio
2003. Il Dm, rilevano i firmatari della risoluzione, prevede un utilizzo di 15,15 kg di latte per produrre un kg di parmigiano-reggiano, quando, in realtà, per produrlo (con 12 mesi di stagionatura) si utilizzano solo 7,7 kg di latte (durante la produzione di questo formaggio si ottengono anche
burro e panna, prodotti per i quali la normativa comunitaria determina specifici indici di conversione). Per i consiglieri, quindi, posto che ai fini dell’applicazione del regime comunitario per il “Prelievo supplementare sul latte vaccino” (c.d. regime delle quote latte), il latte contabilizzato a
carico dei produttori in vendite dirette è calcolato sull’equivalente-latte (corrispondente ai prodotti caseari commercializzati), risulta evidente la grave penalizzazione a cui sono sottoposti i produttori che operano nei caseifici.
Su argomenti analoghi sono invece state respinte cinque risoluzioni, tutte a firma di Roberto Corradi (lega nord), volte rispettivamente a: chiedere la sospensione temporanea della procedura di riscossione coattiva dei prelievi supplementari sul latte vaccino e per la concessione, ai produttori,
di una nuova rateizzazione; verificare le importazioni in Emilia-Romagna di latte proveniente da paesi extra Cee; verificare, con le province interessate, le cartelle esattoriali per il mancato pagamento del prelievo supplementare relativo ad alcune annate lattiere; affrontare la problematica legata alla produzione lattiera nazionale e alla filiera lattiero-casearia dove il maggior margine di reddito è assorbito dalla distribuzione; impegnare la Giunta regionale a sostenere, in materia di produzione di latte vaccino, la procedura di compensazione europea, e per arrivare alla revisione dei criteri di pagamento del prelievo supplementare pregresso.
Nel dibattito, Roberto Garbi (pd) ha preannunciato: il voto favorevole del proprio gruppo alla risoluzione approvata; voto contrario alle altre quattro (respinte); ed astensione sull’ultima, sempre respinta. Fabio Filippi (gdl-pdl), annunciando il voto favorevole su tutte le risoluzioni in discussione,
ha rilevato come esse tendano ad aiutare e favorire l’agricoltura della nostra regione ed ha invitato la Giunta a prendere più seriamente in esame queste tematiche. Marco Barbieri (pd), favorevole alla risoluzione approvata, ha invece accusato di “strabismo” le altre. In dichiarazione di voto, Corradi ha fra l’altro manifestato perplessità sul fatto che la maggioranza non abbia votato a favore della risoluzione che chiedeva la sospensione temporanea della procedura di riscossione coattiva dei prelievi supplementari sul latte vaccino, scostandosi così dall’orientamento del Parlamento europeo.

I documenti respinti: Non ha superato l’esame dell’Aula la risoluzione di Roberto Corradi (lega nord) che impegnava la Giunta ad attivare un’attenta disamina della normativa regionale in materia di attività produttive, con particolare riferimento ai settori dell’artigianato, del commercio-servizi e dell’agricoltura, allo scopo di eliminare o ridurre gli oneri burocratici che attualmente gravano sulle imprese. Il testo chiedeva l’impegno della Regione a realizzare un ‘tavolo tecnico di coordinamento con le Camere di commercio, le province ed i comuni capoluogo, finalizzato a individuare percorsi per lo snellimento degli oneri burocratici in questione.
Parere contrario dell’Aula anche al documento dei consiglieri Daniela Guerra (verdi), Leonardo Masella (prc) e Donatella Bortolazzi (pdci) che, essendo stata avviata la discussione sul Piano territoriale regionale (Ptr), impegnava la Giunta a non sottoscrivere con gli enti locali Accordi di programma particolarmente onerosi sul fronte del consumo di territorio e del carico urbanistico. Nella risoluzione si evidenziava la necessità di impedire il dissennato consumo di territorio e l’uso indiscriminato di strumenti eccezionali (quali quelli previsti dalla Lr 20/2000, come gli Accordi di programma e gli Accordi coi privati), che, in assenza di Piani strutturali (Psc), stanno diventando prassi nell’approvazione delle varianti urbanistiche da parte dei comuni.
INFORMAZIONI REGIONALI | Log-in/Creare un account | 3 Commenti
I soli responsabili dei commenti sono i rispettivi autori.

Gabrielle

(Punteggio: 1)
da Luke di 05 Dic 2011 - 07:56 AM
(Info Utente 
editor Anna, schwanger heiraten the U.S. model of Untul have also printed their very own eulogy a style talentas dying created the globe of style untimely cast a faint layer of haze, let's occur with each other Recalling the lifestyle and performs with the grasp ballkleider verleih , remembering the globe course style, "downright genius." Chinese classic style components using the best efficiency lies inside the conventional Chinese pattern style cocktailkleider kurz . outlet brautkleider Peony flowers, flower, brautkleider kleider abendkleider dragon and phoenix are essentially the most traditional conventional styles, making use of this kind of a gown produced of material designs Chinese taste. Modest components embellished attire are primarily of Chinese H form, want their gown is various from other men and women, then a belt in the waist line, may be exactly the

Re: INFORMAZIONI REGIONALI

(Punteggio: 1)
da zakbowden2 di 07 Gen 2015 - 03:24 AM
(Info Utente 
This partnership Fake Watches constitutes a very stimulating for Rolex development insofar as the match between Replica Rolex watches formula one and our brand is the most natural and, like any partnership, it happens explanation Panerai replica, said on that occasion Gian Riccardo Marini, Managing Director of Rolex SA. Over the past 50 years, as Rolex that formula 1 have become global leading brands by their power of attraction, and this partnership offers many mutual opportunities.

Re: INFORMAZIONI REGIONALI

(Punteggio: 1)
da valerietricon di 03 Set 2015 - 11:11 AM
(Info Utente 
Beyond technical Fake Watches and aesthetic constraints stipulated by the Act, the hallmark of Geneva is in Fake Rolex fact a real watch philosophy which makes no concession to the quality both of the components to the class as Hublot Replica Watches a whole. It is also awarded to movements assembled and settled on the Genevan territory by watchmaking houses having their registered office in the Township. Suffice to say that those able to wear it on their series of prestige can be counted on the fingers of one hand.

Created by S.G.D. di Giorgi Andrea & FEMA whit Postnuke-MD-Pro